Categorie
Storia

Quando i sogni dei bambini diventavano realtà

Di Riccardo Mancini

Tra i bei ricordi di molti cittadini sambenedettesi un posto di grande importanza lo ha sicuramente il giro in “carrozza” con “Pippo” e il suo cocchiere Remo Angelini.

Remo Angelini (foto di Massimo Angelini)

Salire su quella “carrozza” insieme ai propri genitori in compagnia di Pippo e Remo aveva un qualcosa di affascinante. Era come entrare in una fiaba. Come compiere un piccolo viaggio. Il rumore degli zoccoli e delle dolci parole di incitamento rivolte da Remo al suo amico, sono un momento indelebile nella memoria di genitori e figli di ieri e di oggi.

(Foto di Massimo Angelini)

Era solito incontrare Remo e il suo fedele compagno nella pineta di Viale Buozzi. Remo, con il suo fedele cappello e con quel baffo da sceriffo non era di molte parole ma la sua gentilezza era ed è smisurata. Ti salutava con un sorriso, suscitando nei più piccoli una sensazione di fiducia che avrebbe convinto anche i più paurosi a farsi un giro su quella piccola, semplice e bellissima “carrozza”.