Categorie
Storia

Palme bianche a San Benedetto

Di Riccardo Mancini

Sono trascorsi otto anni esatti da quando San Benedetto venne dipinta di bianco da una delle più grandi nevicate che la città abbia mai ricordato.

Le palme cariche di neve, le bianche strade e le dolci dune innevate delle spiagge restano e continueranno a restare delle immagini straordinarie e indelebili di quella inusuale nevicata. I giovani che, grazie alla chiusura delle scuole, giocavano sotto casa o si incontravano per il Centro di San Benedetto a giocare a palle di neve o a immortalare con i propri telefonini quel momento magico ricorderanno con grande emozione quelle eccezionali giornate.

Quella nevicata fu un momento magico che, per una San Benedetto abituata al caldo, al sole e al mare, nessuno si sarebbe mai aspettato di vivere e potersi godere.

Chissà, forse oggi la pazzia di questo clima potrà offrirci di nuovo quello spettacolo di otto anni fa. Oppure quello sarà uno degli ultimi ricordi di una San benedetto ricoperta di bianco. Una cosa è certa: Massimo Caporaso, il nostro “Uomo Atermico”, oggi si annoierebbe sicuramente.